Vai a sottomenu e altri contenuti

Territorio

Sono note le difficoltà che si incontrano nello studio delle antiche civiltà, quando si è in presenza di culture che non hanno lasciato alcuna traccia di scrittura e scarse testimonianze archeologiche.
Il territorio di Loculi è comunque impregnato di una sorta di magia, che altro non è che il risultato di un lentissimo processo evolutivo di tipo storicoetnico, le cui origini, come vedremo, sono arcaiche. Foto storica del Comune di Loculi Foto storica del Comune di Loculi

La collocazione geografica del territorio è un elemento che serve ad avvalorare la tesi che, fin dai tempi più remoti, gli uomini lo scelsero per fissare le loro dimore, trovando in esso le condizioni migliori per vivere e per difendersi. La conformazione del territorio e la vicinanza al fronte costiero giustificano inoltre la presenza in questa zona del passaggio di numerose civiltà.

Il nucleo originale di Loculi dovette formarsi lentamente, sin da quando lasciate le grotte e le altre costruzioni preistoriche, i cui resti rimangono ancora a testimonianza di tante misteriose vicende umane, gli uomini incominciarono a costruirsi semplici abitazioni.

La più antica frequentazione attestata nel territorio di Loculi è da inquadrare nel periodo Neolitico, come documentano con la loro presenza le tombe ipogeiche a grotticelle artificiali, dette domos de janas, situate in prossimità del tessuto urbano del paese. Da allora lo stesso territorio fu toccato dalle maggiori culture che parteciparono a formare la storia antica della Sardegna, come attestano dieci nuraghi, un pozzo sacro, tre tombe di giganti e un dolmen a pianta allungata.

torna all'inizio del contenuto
torna all'inizio del contenuto